Normativa Leggi Decreti del presidente della repubblica, del Ministro ... - Delibere, Regolamenti, Ordinanze, Circolari

Normativa Nazionale   Normativa  Leggi









O.P.C.M. 29/09/2002 n. 3243

(GU n. 236 del 8-10-2002)

Ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare l'emergenza idrica nella regione Sardegna. (Ordinanza n. 3243).

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

-Visto l'art. 5 della Legge 24 febbraio 1992, n. 225

-Visto l'art. 107 del Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112

- Visto il Decreto-Legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla Legge 9 novembre 2001, n. 401

- Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 13 dicembre 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 5 del 7 gennaio 2002 concernente la proroga, fino al 31 dicembre 2003, dello stato di emergenza in ordine a situazioni emergenziali connesse al sistema delle risorse idriche in Sardegna

-Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 2409 del 28 giugno 1995 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 157 del 7 luglio 1995, recante: "Disposizioni urgenti volte a fronteggiare l'emergenza idrica nella regione autonoma della Sardegna" e il n. 2424 del 24 febbraio 1996, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 52 del 2 marzo 1996, recante: "Integrazione all'ordinanza n. 2409 del 28 giugno 1995 recante disposizioni urgenti volte a fronteggiare l'emergenza idrica nella regione autonoma della Sardegna" e l'ordinanza del Ministro dell'interno delegato per il coordinamento della protezione civile n. 3059 del 30 maggio 2000 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 130 del 6 giugno 2000, recante: "Misure urgenti per alcuni comuni della provincia di Catania che hanno subito danni per effetto dei fenomeni eruttivi dell'Etna, nonchè ulteriori disposizioni di protezione civile"

- Vista l'ordinanza del Ministro dell'interno delegato per il coordinamento della protezione civile n. 3196 del 12 aprile 2002, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 92 del 19 aprile 2002, recante: "Disposizioni urgenti in materia di protezione civile"

-Viste le note n. 767 del 23 luglio 2002, n. 952 dell'11 settembre 2002, con le quali la regione autonoma della Sardegna - presidenza - ufficio del commissario delegato per l'emergenza idrica in Sardegna ha rappresentato la necessità di accelerare le procedure per la realizzazione degli interventi finalizzati alla risoluzione della situazione emergenziale, integrando i poteri commissariali

- Vista la nota del 20 settembre 2002 con la quale la regione autonoma della Sardegna - presidente della giunta regionale, ha rappresentato, tra l'altro, la necessità di costituire con ogni urgenza nell'ambito dell'attività di gestione dell'emergenza idrica, le strutture deputate dalla Legge n. 61/1994 alla prevenzione, vigilanza e controllo ambientale

-Acquisita l'intesa della regione Sardegna

- Su proposta del capo del Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri;

Dispone:

Art. 1.

1. Il presidente della regione autonoma della Sardegna, commissario delegato per l'emergenza idrica, per l'attuazione degli interventi programmati ai fini del superamento dell'emergenza stessa può avvalersi delle risorse finanziarie assegnate alla regione autonoma della Sardegna a valere sui fondi di cui alla Legge n. 488/1992, recante: "Provvedimenti per lo sviluppo sociale ed economico delle aree depresse del Paese" e successive modifiche ed integrazioni, ancorchè già destinate dalla regione stessa ma non impegnate, anche in deroga alle procedure previste dalle pertinenti deliberazioni C.I.P.E., in particolare dalle deliberazioni C.I.P.E. n. 4 del 22 gennaio 1999, n. 84 del 4 agosto 2000, n. 138 del 21 dicembre 2000, e n. 36 del 3 maggio 2002. A tal fine, con propria determinazione, il commissario delegato ne dispone il versamento nella propria contabilità speciale o l'assegnazione, a titolo di finanziamento, ai soggetti attuatori degli interventi programmati.

Art. 2.

1. Al fine di consentire l'accelerazione delle procedure necessarie per realizzare gli interventi finalizzati al superamento dell'emergenza idrica in Sardegna, la Cassa depositi e prestiti provvede con priorità ed in deroga a quanto disposto dall'art. 4 della Legge 17 maggio 1999, n. 144, su indicazione del commissario delegato, al finanziamento, ai soggetti di cui all'art. 1 della Legge n. 549 del 1995 e successive modifiche ed integrazioni, degli studi di fattibilità e delle progettazioni preliminari, definitive ed esecutive, degli interventi finalizzati al superamento dell'emergenza stessa.

1. Il presidente della regione Sardegna, commissario delegato, provvede a: individuare nuovi punti di captazione; stipulare accordi e/o convenzioni per l'utilizzo e l'approvvigionamento delle acque; acquisire fonti di approvvigionamento esistenti mediante provvedimenti di occupazione d'urgenza e requisizione temporanea, nonchè modificare temporaneamente la destinazione delle risorse idriche e l'assegnazione delle portate da utilizzare, avuto comunque riguardo ai principi sanciti dagli articoli 2 e 28 della Legge 5 gennaio 1994, n. 36, e dal Regio Decreto 11 dicembre 1933, n. 1775; disporre la progettazione e la realizzazione di impianti ed opere di captazione, trasporto, adduzione, trattamento e distribuzione delle acque, al fine di consentirne il recapito nelle condizioni di massima efficacia, efficienza ed economicità, predisponendo ed approvando i progetti, provvedendo alle occupazioni d'urgenza ed agli espropri, disponendone la realizzazione anche in deroga alle disposizioni vigenti sugli appalti, autorizzandone l'esercizio e l'affidamento ai soggetti gestori, sentite le autorità titolari del relativo servizio idrico, ove già presenti; accelerare l'esecuzione di interventi già finanziati o presenti nella programmazione regionale, interregionale e statale; in particolare, può, anche nelle more della definizione del programma di interventi di cui al precedente articolo, subentrare in luogo del soggetto attuatore o del soggetto titolare dell'impianto, nella realizzazione e nell'affidamento della gestione delle opere e degli impianti, i cui lavori non siano ancora completati o, qualora completati, non siano avviati all'esercizio, qualunque ne sia la causa; stabilire o apportare, ove ritenuto strettamente necessario, modifiche tariffarie all'utenza per i diversi usi conseguenti agli adeguamenti dei proventi derivanti dalla concessione del demanio idrico ai sensi degli articoli 86 ed 89 del Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, degli accordi di programma in applicazione dell'art. 17 della Legge 5 gennaio 1994, n. 36, ai sensi dell'art. 13 della citata Legge ed ai sensi della delibera C.I.P.E. n. 8 del 19 febbraio 1999; dare completa attuazione al servizio idrico integrato ai sensi della Legge 5 gennaio 1994, n. 36, e successive modifiche, qualora siano accertate gravi irregolarità ed inadempienze da parte dei soggetti titolari del servizio stesso ed in qualsiasi altro caso in cui l'affidamento del servizio idrico integrato non possa essere perseguito entro il periodo dell'emergenza; individuare, sull'intero territorio regionale, ogni possibilità di riutilizzo delle acque reflue depurate e predisporre un programma straordinario di interventi per il riutilizzo delle acque reflue depurate, fissandone il sistema tariffario per la loro utilizzazione a fini irrigui ed industriali; progettare e, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili, realizzare sistemi per l'adeguamento qualitativo, il collettamento, l'invaso, la distribuzione e il riutilizzo delle acque reflue provenienti da depuratori, avvalendosi anche delle reti irrigue esistenti e delle strutture dei consorzi di irrigazione e di bonifica e definendo il riparto degli oneri di gestione e manutenzione; fissare i limiti di qualità degli effluenti in uscita dai depuratori, esistenti o da realizzare, al fine del loro riutilizzo irriguo e/o industriale, garantendo le condizioni di massima sicurezza sanitaria ed ambientale, anche sulla base dei criteri definiti dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio; nel caso ricorrano le condizioni di cui all'art. 29, comma 1, lettera c), del Decreto legislativo n. 152/1999 e successive modifiche, si applicano allo scarico definitivo degli impianti esistenti e da realizzare i limiti di cui alla tabella 4 dell'allegato 5 del citato Decreto legislativo.

2. Gli oneri derivanti da consumi energetici per il sollevamento delle acque e dall'uso di acque già destinate all'uso idroelettrico, relativi ai quantitativi necessari al superamento dell'emergenza, graveranno sui fondi del commissario delegato.

Art. 4.

1. Il presidente della regione autonoma della Sardegna, commissario delegato, è autorizzato ad avvalersi delle risorse comunitarie, nazionali, regionali e locali, comunque assegnate o destinate alla realizzazione di interventi in materia di approvvigionamento idrico primario ad uso plurimo e distribuzione delle acque ad uso civile, agricolo ed industriale; ad attivare le procedure necessarie per assicurare il co-finanziamento comunitario degli interventi previsti dalla presente ordinanza; ad utilizzare i proventi di cui all'art. 3; ad avanzare istanze di finanziamento su programmi nazionali e comunitari.

Art. 5.

1. Per l'attuazione degli interventi di cui alla presente ordinanza, oltre alle deroghe già indicate dall'art. 6 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 2424 del 24 febbraio 1996 e dall'art. 14 dell'ordinanza del Ministro dell'interno delegato per il coordinamento della protezione civile n. 3196 del 12 aprile 2002, il presidente della regione autonoma della Sardegna, commissario delegato, è autorizzato, nei limiti necessari per la realizzazione degli interventi di emergenza e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico, a derogare alle seguenti disposizioni: Legge 5 gennaio 1994 n. 36: art. 3, comma 1; art. 4, comma 1, lettere b),

c), e), g), h), i); articoli 11, 13, 17, comma 5, art. 19, commi 2 e 3; art. 20; Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, articoli 86 e 89; Decreto-Legge

Art. 6.

1. Limitatamente al periodo temporale di vigenza della dichiarazione dello stato di emergenza, e fatta salva l'emanazione delle disposizioni legislative concernenti l'istituzione dell'Agenzia regionale di cui all'art. 3 della Legge n. 61/1994, il presidente della regione Sardegna, commissario delegato, è autorizzato, in deroga alla predetta Legge, ad istituire tale Ente provvedendo agli adempimenti conseguenti per assicurarne l'ottimale funzionamento.

2. Ai fini di cui al comma 1, e nei limiti temporali di cui al comma stesso, il presidente della regione Sardegna, commissario delegato è autorizzato, anche in deroga agli articoli 35 e 36 del Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, a stipulare dieci contratti di lavoro a tempo determinato per l'assunzione di unità di personale tecnico e/o amministrativo, nonchè ad avvalersi di personale appartenente a pubbliche amministrazioni e ad enti pubblici, anche locali, che viene posto in posizione di comando o di distacco, previo assenso degli interessati.

3. Gli oneri di cui al presente articolo gravano sui fondi del presidente della regione Sardegna, commissario delegato.

Art. 7.

1. Per le attività di propria competenza, il presidente della regione Sardegna, commissario delegato, può avvalersi dell'Autorità di bacino, delle strutture, delle agenzie e dei soggetti regionali, di enti di ricerca e di società specializzate a totale capitale pubblico, con il riconoscimento, a favore delle medesime, dei costi sostenuti e documentati, preventivamente autorizzati dallo stesso commissario delegato.

2. Gli oneri di cui al presente articolo gravano sui fondi del presidente della regione Sardegna, commissario delegato.

Art. 8.

1. Il Dipartimento della protezione civile, è estraneo ad ogni altro rapporto contrattuale posto in essere in applicazione della presente ordinanza. Pertanto, eventuali oneri derivanti da ritardi, inadempienze o contenzioso, a qualsiasi titolo insorgente, sono a carico del bilancio dell'ente attuatore. La presente ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 29 settembre 2002 Il Presidente: Berlusconi

 

Pagina 1/1

 



Normativa Italiana | Privacy, Disclaimer, © | Contact

2008-2011© Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional