Normativa Leggi Decreti del presidente della repubblica, del Ministro ... - Delibere, Regolamenti, Ordinanze, Circolari

Normativa Nazionale   Normativa  Leggi









O.P.C.M. 09/09/2005 n. 3463

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 settembre 2005 n. 3463

Disposizioni urgenti di protezione civile per lo svolgimento dei giochi olimpici invernali «Torino 2006»

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

-Visto l'art. 5, comma 2, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;

-Visto l'art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;

- Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;

-Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 giugno 2005, recante la dichiarazione di «grande evento» nel territorio della provincia di Torino, in occasione dei giochi olimpici invernali «Torino 2006»;

-Vista la nota del Ministero degli affari esteri 306/290210, pervenuta in data 15 luglio 2005;

-Vista la nota del Ministero dell'interno - Dipartimento della pubblica sicurezza

- Ufficio ordine pubblico, prot. 555/OP/2245/2005/CNIO, del 31 agosto 2005;

-Considerato che, al fine di agevolare lo svolgimento e l'organizzazione dei giochi olimpici invernali «Torino 2006», si rende necessario individuare procedure semplificate per l'accreditamento dei membri della «Famiglia olimpica » chiamati a partecipare all'evento di che trattasi;

-Vista la nota della Presidenza del Consiglio dei Ministri 252/p, del 15 luglio 2005;

-Vista la nota del Ministero delle comunicazioni GM/14272/4680/DL/MG del 18 luglio 2005;

-Vista la nota del Ministero dell'economia e delle finanze in data 8 settembre 2005;

-Considerato che, per conformare l'ordinamento giuridico italiano agli standards di tariffazione internazionali adottati in occasioni analoghe, occorre prevedere modalità di contribuzione per il diritto d'uso temporaneo delle frequenze radio conformi ai predetti standards;

-Su proposta del capo del Dipartimento della protezione civile;

Dispone:

Art. 1.

1. Allo scopo di semplificare le procedure finalizzate al rilascio degli accrediti necessari per l'ingresso sul territorio italiano dei soggetti partecipanti ai giochi olimpici invernali «Torino 2006» il Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici e Paraolimpici Invernali di «Torino 2006» rilascia un «Accredito Olimpico» agli appartenenti alla «Famiglia olimpica», previa presentazione di richiesta scritta, da inoltrarsi anche in forma elettronica, da parte dei soggetti direttamente interessati o dalle organizzazioni responsabili. Il predetto tesserino viene rilasciato sulla base del disposto dell'art. 55 della Carta olimpica e dell'art. 2 del Contratto della Città ospite stipulato a Seul il 19 giugno 1999 tra il Comitato Olimpico Internazionale, la Città di Torino e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, nonchè sulla base di quanto disposto dalla normativa comunitaria.

2. L'«Accredito Olimpico» reca la foto del titolare, gli estremi del passaporto o di altro documento di viaggio valido del richiedente, nonchè il numero del visto rilasciato dal Ministero degli affari esteri. Tale numero è costituito, in caso di visto uniforme, da sette caratteri (formati da sei cifre precedute dalla lettera C) o, in caso di visto a validità territoriale limitata, da otto caratteri (formati da sei cifre e preceduti dalle lettere IT).

3. L'accesso ai luoghi specifici dove si svolgono le gare e le altre manifestazioni previste per i Giochi Olimpici e Paraolimpici invernali di Torino 2006 e l'esercizio delle funzioni olimpiche è assicurato ai soggetti ai quali è rilasciato l'accredito di cui al precedente comma.

4. Il Ministero degli affari esteri provvede alle necessarie comunicazioni del numero del visto al Comitato organizzatore avvalendosi, con oneri a proprio carico, di una struttura appositamente costituita, anche con l'ausilio delle rappresentanze diplomatico-consolari.

5. Ai titolari dell'«Accredito Olimpico» si applica la disciplina di cui ai commi 2 e 3 dell'art. 10 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 334, come modificato dal decreto del Presidente della Repubblica 18 ottobre 2004, n. 334, relativo al permesso di soggiorno collettivo, che può essere concesso per un periodo non superiore ai novanta giorni. La medesima disciplina si estende anche ai cittadini appartenenti a Paesi non sottoposti all'obbligo del visto.

Art. 2.

1. In relazione alla necessità di assicurare che lo svolgimento dei giochi olimpici invernali «Torino 2006» e limitatamente alla durata dei predetti giochi, in deroga alla disciplina prevista dall'allegato 25 del decreto legi- slativo 1° agosto 2003, n. 259, si applicano i seguenti contributi per l'uso delle frequenze radio

a) per ogni frequenza o coppia di frequenze richieste in uso temporaneo per ognuno degli eventi è dovuto un contributo pari a 300 euro omnicomprensivi, per l'uso della risorsa «scarsa» frequenze radio, utilizzata in un area circoscritta di diffusione di 15 Km di raggio, con larghezza di canale di 12,5 KHz (fino ai casi ammessi di 25 KHz), per trasmissioni radio vocali o trasmissione dati indipendentemente dalla tecnologia analogica o numerica, compresi i casi d'uso di microfoni anche professionali fino a 200 KHz di larghezza di canale di utilizzo

b) per ogni uso di frequenza di tipo televisivo o satellitare, incluse le video camere, con canalizzazioni opportunamente approvate, o per ogni casistica d'uso con canalizzazione o distanze superiori al punto a), è dovuto un contributo pari a 1000 euro.

2. Al termine dell'evento di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 giugno 2005, i soggetti autorizzati restituiranno le frequenze all'uso ordinario e dovrà cessare ogni uso temporaneo.

3. I limiti di potenza ed i parametri d'uso degli apparati dovranno essere conformi alle previsioni del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259. Le tipologie di frequenze in uso dovranno essere conformi alle indicazioni del Piano nazionale di ripartizione delle frequenze vigente.

4. Per ogni tipologia di richiesta d'uso di frequenze diverse da quelle previste dal comma 1, si applica la disciplina di cui al decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259. La presente ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 9 settembre 2005 Il Presidente: Berlusconi

 

Pagina 1/1

 



Normativa Italiana | Privacy, Disclaimer, © | Contact

2008-2011© Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional