Normativa Leggi Decreti del presidente della repubblica, del Ministro ... - Delibere, Regolamenti, Ordinanze, Circolari

Normativa Nazionale   Normativa  Leggi









D.P.C.M. 24/10/2006

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 ottobre 2006

Revoca e parziale riassegnazione dei finanziamenti assegnati per l'esecuzione di interventi urgenti, da realizzare in attuazione degli «Indirizzi operativi per prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici ed idraulici», di cui alla direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 settembre 2005.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

-Vista la legge 24 febbraio 1992 n. 225;

-Visto l'articolo 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 112;

-Visto il decreto-legge 7 settembre 2001 n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001 n. 401;

- Vista la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004, recante «Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale, per il rischio idrogeologico e idraulico ai fini di protezione civile», pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 59 dell'11 marzo 2004;

-Vista la nota DPC/PRE/0046570 del 20 settembre 2005 del capo del Dipartimento della protezione civile, indirizzata alle regioni ed alle province autonome;

-Vista la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 settembre 2005, recante «Indirizzi operativi per prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici ed idraulici», pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 244 del 19 ottobre 2005;

-Vista la nota DPC/VC/0056200 del 10 novembre 2005 con la quale il capo del Dipartimento della protezione civile ha definito le modalità per l'attivazione di specifici finanziamenti diretti a favorire l'attuazione della predetta direttiva del 29 settembre 2005;

- Visto il decreto n. 5184 del 24 novembre 2005, con il quale è stata impegnata la somma di Euro 50.000.000,00, per la realizzazione degli interventi urgenti di cui alla richiamata direttiva del 29 settembre 2005, in favore delle regioni e delle province autonome;

- Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19 gennaio 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 6 aprile 2006 n. 81, con il quale è stato ammesso al finanziamento un primo gruppo di interventi proposti dalle regioni e dalle province autonome;

- Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 aprile 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 26 luglio 2006 n. 172, con il quale è stato ammesso al finanziamento un secondo gruppo di interventi proposti dalle regioni e dalle province autonome;

-Viste le note con le quali le regioni, Piemonte, Toscana, Lombardia e la provincia autonoma di Trento, hanno comunicato il mancato inizio lavori di alcuni interventi nei termini previsti dall'art. 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19 gennaio 2006;

- Considerate le note con le quali le regioni, Piemonte, Lombardia e la provincia autonoma di Trento, hanno comunicato la sostituzione dei predetti interventi;

-Vista la nota della regione Abruzzo prot. RA/73 792 del 7 agosto 2006, con la quale viene comunicata l'impossibilità da parte del soggetto attuatore di cofinanziare l'intervento codice AI/ABR/013/TE «Fosso Leomogna: riapertura della sezione di deflusso e protezioni spondali» e la stessa Regione chiede la sostituzione del soggetto attuatore e la conferma dello stesso intervento per l'importo assegnato dal Dipartimento nazionale della protezione civile;

Decreta:

Art.1.

1. Vengono revocati i seguenti interventi che non sono stati iniziati nei termini previsti dall'art. 2 del decreto del Presidente del Consiglio del 19 gennaio 2006: regione Piemonte: AI/PIE/07/AL «Sistemazione idraulicaidrogeologica rio Corteranzo e val d'Arme» per l'importo di euro 300.000; provincia autonoma di Trento: AI\TRE\010\TN «Sistemazione e rinaturalizzazione del torrente Avisio» per l'importo di euro 315.000; AI\TRE\012\TN «Sistemazione alveo del fiume Brenta a valle del ponte S. Margherita» per l'importo di euro 300.000; regione Lombardia: intervento codice AI\LOM\002\BG «Sottomurazione briglie e muri di difesa spondale

-pressi di via Marconi» per l'importo di euro 27.972,2.

2. Vengono revocati alla regione Toscana euro 40.000 per il mancato inizio di tre sotto-interventi ricompresi negli interventi codice: AI\TOS\02\SI, AI\TOS\05\FI e AI\TOS\12\MS.

3. Viene revocato alla provincia autonoma di Trento l'intervento denominato codice AI/TRE/005/TN: «Rifacimento arginatura» nel comune di Caldonazzo per l'importo di euro 105.000,00 in quanto la tempistica dell'intervento non è compatibile con il decreto del 19 gennaio 2006 menzionato in premessa.

Art. 2.

1. Vengono ammessi a finanziamento, a parziale sostituzione degli interventi revocati, i seguenti interventi: regione Piemonte: AI\PIE\17\CN «Interventi di somma urgenza per la messa in sicurezza della regione Abrau» per l'importo di euro 300.000; regione Lombardia: AI\LOM\018\PV «Rimozione del materiale in alveo e formazione di difesa al piede dell'arginatura» nel comune di Canneto Pavese per l'importo di euro 130.000 di cui euro 27.972,29 a carico del Fondo di protezione civile ed euro 102.027,70 a carico della regione Lombardia.

Art. 3.

1. La regione Abruzzo Servizio genio civile regionale dell'Aquila -Ufficio di Teramo, è individuato quale soggetto attuatore dell'intervento codice AI\ABR\ 013\TE in sostituzione dell'Amministrazione comunale di Castelli (Teramo) e l'importo complessivo di tale intervento viene ridotto ad euro 225.000 pari al solo finanziamento a valere sul fondo della protezione civile nazionale.

Art. 4.

1. Per l'attuazione degli interventi di cui all'art. 3 valgono le stesse modalità di cui agli articoli 2 e 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 19 gennaio 2006.

2. Le regioni e le province autonome assicurano la vigilanza sulla realizzazione degli interventi assumendo ogni iniziativa ritenuta utile per consentire l'avvio ed il completamento degli interventi stessi entro i termini stabiliti. Nel contesto di tale attività le regioni e le province autonome possono proporre in qualunque momento al Dipartimento della protezione civile la revoca di finanziamenti relativi ad interventi per i quali non risulti possibile il rispetto dei termini di completamento stabiliti.

3. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 24 ottobre 2006 Il Presidente: Prodi Registrato alla Corte dei conti l'11 gennaio 2007 Ministeri istituzionali - Presidenza del Consiglio dei Ministri, registro n. 1, foglio n. 58

 

Pagina 1/1

 



Normativa Italiana | Privacy, Disclaimer, © | Contact

2008-2011© Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional