Normativa Leggi Decreti del presidente della repubblica, del Ministro ... - Delibere, Regolamenti, Ordinanze, Circolari

Normativa Nazionale   Normativa  Leggi









D.M. 28/11/2007

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI Decreto 28 novembre 2007

Inclusione dell'area sita in frazione Faltona del comune di Borgo San Lorenzo, in provincia di Firenze, fra le zone di interesse archeologico di cui all'articolo 142, lettera m) del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, e successive modificazioni e integrazioni.

IL DIRETTORE GENERALE per i beni architettonici e paesaggistici

-Vista la legge 7 agosto 1990 n. 241, e successive modifiche e integrazioni;

-Visto il decreto legislativo 20 ottobre 1998 n. 368, recante «Istituzione del Ministero per i beni e le attivitą culturali a norma dell'art. 11 della legge 15 marzo 1997 n. 59», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 250 del 26 ottobre 1998;

-Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, recante «Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'art. 10 della legge 6 luglio 2002 n. 137», pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2004, come modificato e integrato dal decreto legislativo 24 marzo 2006 n. 157 (disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, in relazione al paesaggio) pubblicato nel supplemento ordinario n. 102 alla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 27 aprile 2006 e in particolare gli articoli 136, comma 1, lettera c), 141, 142, comma 1, lettera

m), 157, comma 2, e 183, comma 1;

- Visto l'art. 8, comma 2, lettera o) del decreto del Presidente della Repubblica 10 giugno 2004 n. 173, «Regolamento di organizzazione del Ministero per i beni e le attivitą culturali»;

- Visto il decreto del Ministro per i beni e le attivitą culturali 24 settembre 2004, recante «Articolazione della struttura centrale e periferica dei dipartimenti e delle direzioni generali del Ministero per i beni e le attivitą culturali », pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 271 del 18 novembre 2004 ed in particolare l'Allegato 3;

- Visto il decreto del Ministro per i beni e le attivitą culturali 17 febbraio 2006 «Modifiche al decreto ministeriale 24 settembre 2004, recante: "Articolazione della struttura centrale e periferica dei dipartimenti e delle direzioni generali del Ministero per i beni e le attivitą culturali"», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 92 del 20 aprile 2006;

- Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 luglio 2005 di nomina del Direttore generale per i beni architettonici e paesaggistici;

- Visto il decreto 3 luglio 2006, del Ministro per i beni e le attivitą culturali, di nomina ad interim del Capo Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici, con decorrenza 1° luglio 2006;

-Visto il decreto-legge 3 ottobre 2006 n. 262, convertito in legge 24 novembre 2006 n. 286, art. 2, commi 94, 95 e 96;

-Visto il decreto ministeriale 28 dicembre 2006 «di incarico al Segretario generale per assicurare il coordinamento e la continuitą dell'azione amministrativa del Ministero per i beni e le attivitą culturali»;

-Visto il decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 2007 concernente il conferimento dell'incarico di Segretario generale del Ministero per i beni e le attivitą culturali;

-Visto il decreto ministeriale 19 giugno 2007 «Proroga fino al 31 dicembre 2007 delle funzioni del Segretario generale per assicurare il coordinamento e la continuitą dell'azione amministrativa del Ministero per i beni e le attivitą culturali;

- Considerato che la Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana, con nota n. 26327 del 17 dicembre 2001, indirizzata al comune di Borgo San Lorenzo, all'allora Direzione generale per i beni architettonici ed il paesaggio, all'allora Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, per il patrimonio storico, artistico e demoetnoantropologico di Firenze, Pistoia e Prato, alla provincia di Firenze, ha trasmesso la proposta di perimetrazione ai sensi dell'allora art. 146, lettera m) del decreto legislativo 29 ottobre 1999 n. 490 (oggi art. 142, comma 1, lettera m) del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 e sue successive modificazioni e integrazioni) per una zona di interesse archeologico sita nella frazione Faltona nel comune di Borgo San Lorenzo in provincia di Firenze, la cui area risulta circoscritta dal seguente perimetro:

A) Imbocco, dalla strada regionale n. 302, del viottolo di crinale in sinistra Faltona di collegamento tra il ponte a Serravalle e il vocabolo Acquitrino;

B) Incrocio tra il viottolo suddetto di crinale e la mulattiera che ridiscende verso la strada regionale n. 302 «Brisighellese-Ravennate»;

C) Incrocio fra strada regionale n. 302 e la menzionata mulattiera di collegamento con il citato crinale in sinistra Faltona;

D) Incrocio, in loc. la Ruzza, tra la strada regionale n. 302 e il sentiero diretto dalla Ruzza verso il crinale;

E) Sbocco, nel viottolo citato di crinale, del menzionato sentiero proveniente dalla loc. La Ruzza;

F) Incrocio, nel Podere Monte Caroso, tra il citato viottolo di crinale in sini- stra Faltona e la mulattiera transitante per la villa dei Cini;

G) Incrocio tra la menzionata mulattiera transitante per la villa dei Cini e la strada regionale «Brisighellese-Ravennate»;

H) Imbocco, presso la localitą Poggiolo, dalla strada regionale «Brisighellese- Ravennate» in una locale strada vicinale;

I) Incrocio della strada vicinale appena citata con la strada secondaria di collegamento fra la frazione di Polcanto e l'ex Monastero della Badia di Buonsollazzo, nei pressi dell'esercizio «High Forest»;

L) Incrocio (chiuso da cancello) tra la strada secondaria menzionata e il sentiero erboso che transita a nord-ovest di Polcanto;

M) Sbocco, poco a monte di Polcanto, del sentiero appena citato in una mulattiera diretta alla strada regionale n. 302;

N) Diverticolo tra la strada regionale «Brisighellese-Ravennate» e la citata mulattiera proveniente dal punto M;

O) Ponte della strada regionale n. 302 su un piccolo corso d'acqua affluen te in sinistra Faltona alla quota di 316,8 s.l.m.;

P) Confluenza del corso d'acqua citato nel torrente Faltona;

Q) Sbocco della carrareccia che scende lungo il corso del Torrente di Mon te nella strada regionale n. 302 «Brisighellese-Ravennate» individuata in Catasto al foglio 6 del Comune di Monterchi: confine regionale, Strada Vicinale;

- Considerato che la sopracitata nota č stata inviata anche alla regione Toscana

- Dip. politiche territoriali e ambientali;

-Considerato che l'area interessata dalla proposta di vincolo paesaggistico in oggetto, ricade nella valle del torrente Faltona percorsa gią in epoca romano- repubblicana, dalla strada che collegava Faventia (Faenza) a Florentia e a Faesulae: si tratta della via percorsa da Sant'Ambrogio quando, esiliato dall'imperatore Teodosio da Milano a Faenza, nel 393 raggiunse Firenze. Si deve presumibilmente a tale passaggio il nuovo nome del capoluogo comunale che non si chiamņ pił Anneianum e fu intitolato a San Lorenzo (che era particolarmente venerato a Milano e sotto il cui patronato Ambrogio, non a caso, pose anche l'insigne basilica che fondņ appena fuori Florentia, proprio sulla direttrice di quella «Faventina» per cui era pervenuto in citta). Numerose sono le valenze naturalistiche e le testimonianze storicoarcheologiche ricadenti nell'area interessata dalla proposta di vincolo di cui trattasi. Infatti nella valle del torrente Faltona - omonimo alla frazione che vi si trova - gią dal 1929 č stato segnalato il ritrovamento di «materiale neolitico » in localitą La Ruzza. Della stessa localitą, nella quale viene fra l'altro segnalato il ritrovamento di numerose punte di freccia in selce, sono ricordati anche materiali litici genericamente riferibili al Paleolitico. La valle Faltona č tuttora percorsa dalla Strada Regionale n. 302, che non ha modificato il generale equilibrio dell'area e non ne ha alterato l'ambiente, contribuendo anzi nei secoli ad apportarvi radi insediamenti, che hanno via via arricchito il pregevole tessuto tettonico e naturale della valle con bei manufatti umani (ville, colombai, castelli, ponti, coloniche, torri ecc.) da tempo armonizzatisi col paesaggio. Lungo il Faltona, che tramite la Sieve costituisce un subaffluente dell'Arno, difronte a casa Carbiolo sono visibili imponenti ruderi murari in pietrame e laterizi, nelle «Carte dei Capitani di Parte guelfa» si fa infatti riferimento a un mulino di Chiaro databile intorno al XIV - XV sec. Di notevole interesse risultano poi i resti di mura individuati sulla Vetta del vicino Monte Caroso, in localitą Chiesino, riferibili a un impianto fortificato databile fra il XIII e XIV secolo e certo appartenenti a una torre costruita in conci regolari di arenaria e malta di colore biancastro. Vanno segnalati ruderi del vicino castello della Pila, ancor'oggi a monte della localitą omonima, che si erge su uno sperone quasi a picco sulla sponda sinistra del torrente Faltona. Tutta la costa montuosa che racchiude la valle č tuttora coperta di fitti boschi, che raggiungono il santuario della Madonna del Sasso a sud-est e, a ovest i monasteri del Buonsollazzo e di Montesenario. L'intera area compresa all'interno dei confini della perimetrazione proposta assume un particolare rilievo rispetto alle modalitą e alle testimonianze di insediamento nell'amplissimo periodo che va dalla preistoria a tutto il medioevo e fino ad oggi, soprattutto se la si consideri in relazione all'antica viabilitą transappenninica, della quale rimangono ancora tracce nei pressi del mulino di Carbiolo. D'altra parte si tratta di emergenze archeologiche che si inseriscono in un ben determinato e pregevolissimo ambiente paesaggistico, del quale occorre preservare i valori concorrendo fattivamente alla salvaguardia e alla conservazione delle sue pił significative testimonianze naturali, archeologiche e storico-artistiche/architettoniche;

- Considerato che la Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana, con nota n. 2820 dell'8 febbraio 2002, ha comunicato alla Direzione generale per i beni architettonici ed il paesaggio, l'avvenuta affissione della proposta di vincolo all'Albo pretorio del comune di Borgo San Lorenzo e l'avvenuta pubblicazione dell'avviso al pubblico della proposta di vincolo, sui quotidiani locali «Il giornale della Toscana» - «Corriere di Firenze», e sul quotidiano nazionale «Il Giornale», in data 7 febbraio 2002;

-Considerato che la Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana con nota n. 13787 del 28 giugno 2002 ha trasmesso alla Direzione generale copia delle osservazioni alla proposta di vincolo di cui trattasi inviate dal comune di Borgo San Lorenzo, con le quali si richiedeva sostanzialmente la riduzione dell'area di vincolo in quanto «(... ...) alcuni suoi settori risulterebbero scevri da rischio, perchč posti in zone poco raggiungibili da attivitą e da interventi modificanti, mentre altri settori dell'area stessa, se tutelati, non sarebbero pił alla portata di alcune attivitą produttive utili alle esigenze di sviluppo del territorio del comune di Borgo San Lorenzo»;

- Considerato che la suddetta Soprintendenza, ha ritenuto non condivisibile la suddetta richiesta di riduzione del vincolo in quanto: «(... ...) nč l'agricoltura o la pastorizia, nč la silvicoltura o lo sfruttamento del bosco sarebbero a rischio, anzi, verrebbero implementati per il fatto stesso che l'assetto attuale del territorio risulterebbe conservato, che non sarebbero incoraggiate permanenti opere modificanti (quali lo sterro di strade verso contermini aree non tutelate o quali un'attivitą antropica non temporanea nč reversibile) e che, auspicabilmente, non verrebbero permesse le altre attivitą citate dall'estensore (... ...)»;

- Considerato che la Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana, con nota prot. n. 274 del 2 gennaio 2002, ha inoltrato all'allora Direzione generale per i beni architettonici ed il paesaggio tutti gli atti idonei ad avviare la procedura di imposizione del vincolo paesaggistico per l'area di cui trattasi;

- Considerato che, successivamente, l'allora Direzione generale per i beni architettonici ed il paesaggio, ha inoltrato al Comitato di settore per i beni ambientali e architettonici e al Comitato tecnico scientifico per i beni archeologici la proposta di vincolo formulata dalla competente soprintendenza e gli atti amministrativi e tecnici ad essa allegati;

 

Pagina 1/2 - pagine: [1] [2]

 



Normativa Italiana | Privacy, Disclaimer, © | Contact

2008-2011© Valid CSS! Valid HTML 4.01 Transitional